Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
AVALI avali, a rivistablog primurosa di u spannamentu di a pruduzzioni litteraria corsa d’oghji, ma à tempu locu di baratti è di critica suciali.

LA CORSICA, STORIA DI UN GENOCIDIO

Marceddu
Assaghju














A sò chì ‘ssu titulu v’avarà stupitu. Altr’è tantu à mè. Hè un libru sciutu in 1982 in Italia, scrittu da Sabino Acquaviva. L’autori, hè unu suciolugu cunnisciutu è prufissori à l’università di Paduva. Hè prizzatu pà i so studii à puntu di i quistioni naziunali in Auropa (com’è par asempiu quidda di u Sud Tirol). À partasi da un’inchiesta fatta in Corsica in u Sittanta, Acquaviva ci pruponi uni beddi pochi di riflissioni sopra à l’isula, u so populu è l’evuluzioni pussibili. Puri s’è u libru pari vechju, u parè prupostu t’hà sempri u so valori è ci dà propiu da rifletta.

"Preservate sino ad oggi dalla protezione di antichi isolamenti, il procedere dell’integrazione economica e l’apertura alle comunicazioni di massa sembra condannare le minoranze ad una spersonalizzazzione che significa decadenza e fine delle loro culture, dei loro dialetti, delle loro lingue.
L’Europa è un cimiterio di civiltà, ma anche un coacervo di culture e di etnie : alcune in agonia, altre ancora capaci di vitalità e resistenza. Quali le ragioni di questi diversi destini ? Perchè alcuni populi riescono a preservare la propria identità mentre altri soggiacciono ad un’assimilazione resa oggi più competa e uniforme dalla soverchiante influenza dei mass media ?".


Da u cumenciu a palesa vulinteri l’autori chì hà fattu una scelta pulitica : piglia i pratesi di u populu corsu è di u so muvimentu naziunali. Cusì intacca a so dimustrazioni dichjarendu chì, à contu soiu, culuniali hè a situazioni di a Corsica. Intigrata da i tempi più antichi à u sistema italicu (micca talianu chì l’Italia, com’è paesi, ùn asistia ancora, postu chì a so unità pulitica ùn la farà ùn tali à 1871), a so lingua nasci da un’unità corsutuscana. Cunquistata l’isula da a Francia, ci fù una rumpitura di l’unità culturali ammintata. Venini studiati i raghjoni ideulogichi : l’odiu di Ghjenuva hè torru odiu di l’Italia è di i Taliani tutti quanti. À tempu, spunta a cuntintezza d’essa Francesi. Oghji, in via di compia l’ultima fasa di u prucessu, hè in traccia di spariscia a cultura corsa.

Acquaviva studieghja da vicinu i fatti linguistichi è culurali è ci pruponi una vista chì tandu paria urighjinali. Cunsidareghja u corsu, à liveddu linguisticu, com’è parti di u talianu (Corsi è Taliani, trà eddi, si capiscini, ci hè menu diffarenza da u corsu à u talianu cà da u talianu à certi dialetti visti com’è taliani). U corsu s’assumiglia mori cù u talianu arcaicu, quiddu di Dante è di Petrarca. Infini, i lingui prelatini pari ch’eddi sighini stati vicini assai in Corsica, Sardegna, Cicilia è in u Meziornu di l’Italia. Ma aghjusta l’autori, u corsu si devi cunsidarà da lingua custituita è micca dialettu talianu. A rumpitura cù l’Italia hà datu à u corsu a pussibilità di crescia da lingua autonuma.
Sionti à Acquaviva, ùn caccia nudda à u corsu ‘ssa sumiglia cù u tuscanu. Inveci, faci chì u corsu t’hà in lascita una litteratura maiò ed antica, quidda di i capid’opari di u Medievu :

"non ha dietro di se il vuoto, ha dietro di se la lingua che si parlava sulle due sponde del Tirreno dalla Maremma alla Garfagnana, da Sartene a Capo Corso, fra il XII e il XIII secolo. Da quella matrice, contenuta in limiti geografici ristretti, si sono sviluppate due lingue, una di grande prestigio, l’altra, più sfortunata, che soltanto oggi, comincia veramente ad essere considerata degna di essere chiamata tale" .

A cultura corsa ùn hè solu cultura pupulari, à bocca, t’hà un passatu di cultura alta è sapienti : hè a cultura ditta «taliana» in elaburazioni. U corsu ùn hè un dialettu tuscanu, nè una lingua sviluppatasi à l’assola, in l’ascosi muntagnoli isulani partendu da u latinu. Pensa Acquaviva chì da u latinu s’hè ghjuntu ad una cumunità corsutuscana arcaica, è chì dopu si sò spiccati i lingui. Ùn si poni u prublema di l’influenza tuscana sopra à u corsu. Bensì, l’influenzi c’erani, quissa sì, ma in i dui sensi. È bisogna ad abbadà chì tandu u «talianu» era sempri in furmazioni.
Ripiglia dopu l’autori a storia di a francizazioni : criazioni di culunii di pupulamentu in Corsica (chì tutti fiasconi), scola, ghjesgia, amministrazioni… S’edd’ùn fubbi cumpletta a francizazioni, stirpatu fubbi u tuscanu da lingua litteraria ed ufficiali, è "finito l’italiano i Corsi sono in condizione di risvegliarsi più corsi e non più francesi".

Ciò chì faci spiccu trà i populi chì morini è quiddi chì campani hè l’impegnu à prò di un’azzioni culturali, a vulintà ch’eddi t’ani di fà di a lingua soia una lingua di cultura, d’insignamentu, d’amministrazioni, di l’audiovisivu. Bisugnaria dinò ad accrescia u tagliolu di i lucutori di u corsu da ch’eddi fussini numarosi di di più.
‘Ssa «rivuluzioni» culturali hè pussibili s’eddu veni à fini u sistema di puteri tradiziunali (i partiti, o par megliu dì i «clan», assuciati à l’amministrazioni francesa). Infini, st’azzioni culturali, senza ch’eddi sghini in mani à u populu corsu i terri ed i mezi di pruduzzioni, sbuccà ùn pò. Accorri dunqua l’autunumia pulitica, è ch’edda cumpiessi l’emigrazioni di i Corsi è l’immigrazioni di i ghjugniticci. Ci vurria normi particulari da ch’eddi fussi numinatu in Corsica funziunarii, à pari à quiddi usati in Italia pà u Sud Tirol : cunnoscia a lingua di u locu prima di cheraci un impiegu.

Ma di fatti oghji, vintisei anni dopu,  a vittoria di a lingua francesa hè à bonavia ginirali. In famiglia u francesu veni sempri apradatu di più cà u corsu, in a litteratura, l’amministrazioni, a stampa, doma u francesu. Quand’eddu scumparì u tuscanu, ùn era altru cà un mumentu, assignalatu cirtamenti, di a storia di a Corsica, ma chì à u populu corsu ùn li pruibia micca di campà. Ma s’edd’hè u corsu à scumparì da lingua, sarà a morti di a sucità corsa è tantu piantarà quì a storia soia.
Chì in u mondu d’oghji, chì viaghja sempri di più voltu l’unifurmizazioni di l’usi, di i maneri di campà, di i mintalità, « una cumunità nazionale può riconoscersi soltanto nella sua lingua è nella sua cultura ».

Un libru antivistu. Piccatu ch'eddu ùn ci fussi manera di buscallu indocu. oramai.

Commentaires

Alessio 22/11/2008 11:57

Eo socu unu studiente talianu di Genuva, Ed aghju u libru di Sabino Acquaviva a casa meia. Si vole puderìa mandallu a u vosciu indirizzu (adresse)... Rispondite!

Pace è Salute Alessio

23/11/2008 17:28



Caru Alessio, mi ralegru di l'interessu toiu pà a Corsica. Hè vera ch'edd'hè oramai guasgi impussibuli di buscassi u libru di Sabino Acquaviva, piccatu... ma di fatti, eiu t'aghju a furtuna di
pussedalu in la meia a bibliuteca.


Ti vuliu ringrazià quantunqua di a pruposta toia.


à prestu, forsa





Marceddu