Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
AVALI avali, a rivistablog primurosa di u spannamentu di a pruduzzioni litteraria corsa d’oghji, ma à tempu locu di baratti è di critica suciali.

U CRIAMPULU IN U SO VICULU

Marceddu





    A guerra era pà compiasi. Si raligrava ugnunu è si sminticava pà un attimuchju a caristia di tuttu. Mancu una spiga da fà granu, mancu un granu da fà farina, mancu farina da fà pani. A fami nera era quì à latu, com’è una cumpagna fidata è ghjilosa.

    Ma à tutti po ùn tuccava à strignasi u currighjolu. Uni pochi di cumircenti aviani saputu righjirà i so affari duranti a guerra pà accimassi una furtuna smisurata. A signora Fiora era di quissi quì. Ricca era ricca di casi è di tarreni è vulia chì tuttu u circondu a vidissi è a sapissi. Tinuti di lussu fatti di stofa prizziosa (è ci ni vulia stofa da vesta ‘ssa pangrussona) quandu quidd’altri viaghjani scalzi è cù a pezza à u culu, robba da magnà à ghjittera, puddastri cotti, carri vacina accunciata, suppa di fasgiolu è di cecci, ligumi cunditti, vini francesi, canistreddi è canistroni, via a signora Fiora s’imbuttrava à l’imbuttrera. Ch’edda fussi stata caritativa, manca à pinsalla.

    Dicia sempri, ramintendu i paroli di u tintu di u babbu, omu nobili è degnu, bon anima, chì à u povaru, tintià ùn ci vol’ di tintiallu nè ancu menu ad aiutallu. Diu hà fattu u mondu com’è no u vidimu. Ùn hà vulsutu micca micca chì pussessi è danari fussini spartuti, bensì in u so santu sennu hà fattu ricchezza è puvartà. U riccu nasci riccu è u povaru nasci povaru, hè cusì ch’eddu a volsi Diu è basta. Andà contru à ‘ssu fattu universali hè nigà a vulintà di u nosciu Signori è ùn vali à battalà in darru.
D’altrondi, a signora Fiora ùn battalava tantu è cù i servi di casa è di campagna, falavani ancu i batarchjati, è tintu à chì si strappava à l’appiattu calchì pezzu di salciccia o troncu di pani…

    Mariola facìa da serva ind’è a signora Fiora. In casa soia, ci pudia corra u ghjacaru cù l’uncinu. A mamma t’avia tredici figlioli à mantena. À tempu nati, ci vulia ch’edd’ andessini à travaglià da stantassi u pocu da magnà. Mariola lavava è stirava i panni è i linzoli. Facìa ancu a pulizia di u casamentu signurili altu trè piani. Edda, da accuntintà i vezzi di a signora, stava in una piccula mansarda brutta è scura, da essa uparativa ad ogni ora.

    Mariola t’avia un figliolu, un criampulu di sei mesi. A signora Fiora l’avia accittata patti è cundizioni chì Mariola ùn si carriessi u cinninu appressu duranti i so faccendi. È sgubbà, sgubbava mori Mariola, è u criampulu stava in mansarda, in u so viculu. Pari ch’eddi a fessini à bedda apposta ; più sò povari è più catiddeghjani. À u bassu populu li piaci à pata a fami è à stà in u piccatu. Sempri dicìa cusì a signora com’è pà casticalla di più.
Ma anc’assà, u figliolu di Mariola era dolci è patimu. À bona via ùn si sintia mai briunà è c’era da dumandassi s’eddu c’era un nascitoghju in casa.

    Una notti ch’edda dava à sughja Mariola, a signora Fiora a feci chjamà à succurrenza. A ghjuvanetta falò i scali à corri corri, lachendusi u ziteddu cù u latti annantu à i labri…
Succidia chì s’assuffucava a pangrussona, ruzzava quant’è un toru è dicìa ch’edd’era pà mora. À l’ora di fà cena, s’era sciaccatu un prisuttu guasgi intrevu. À movasi ùn a li facìa più è puri vulia andà in cabinettu…
Tandu s’intesi i bevuli di u criampulu in mansarda. Mariola vulia cuddà ma a signora Fiora a minacciò di lampalla fora di casa s’edda dismittia d’ubidì à i cumandi soi, a vituparò, a ghjastimò, u criampulu bivulava.
Mariola, a muca à u cori, si ni steti à curà a patrona.
In cabinettu, a signora s’era sbiuttata da insù è da inghjò. Da fassi roccia megliu, s’inficcava in fondu di gola quidda mani carca ad aneddi d’oru.
Avali tuccava ad asciuvà u puzzicheghju in terra. U criampulu ùn si sintia più.

    Mariola cuddò i scalini versu a mansarda. A porta era in cantaronu. A pezza, nera è bassa, paria un’ arca. In u viculu, si trinicava calcosa. L’affannu addossu, s’avvicinò a ghjuvanetta. U ziteddu ùn si muvia, ma in pettu, t’avia com’è un gutupponu lungarutu è neru. Era una pontica era. Li runzicava u labronu, u pocu di latti chì firmava…



Marceddu Jureczek t’hà 34 anni. Hè natu in Aiacciu è ci insegna u corsu in liceu prufiziunali. Prisidenti di l’associu Matina Latina, hè u capiridattori di a rivista Avali è sicritariu di ridazzioni di u misincu U Taravu. Parechji di i soi i scritti, part’è più raconti, sò stati publicati in i rivisti mintuvati, in Bona Nova è le Journal de la Corse. U so prima rumanzu Ghjuventù Ghjuventù hà ricivutu u premiu 2007 di u libru corsu cuncessu da a Cullittività Tarrituriali di Corsica. U so sicondu libru, U Vantu di a Puvartà, un assaghju, hè sciutu di pocu.

Commentaires