Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
AVALI avali, a rivistablog primurosa di u spannamentu di a pruduzzioni litteraria corsa d’oghji, ma à tempu locu di baratti è di critica suciali.

CLONI

marceddu

In Corsica, in paesi è in cità, sò lacati à u ribaldonu i ghjovani. Tramuntatu u soli, si poni veda, masci è femini, quali voglia fussi a staghjoni, stassini à vacari pà issi carrughji, issi stretti, issi piazzi, issi city stadii, issi purtoni di i palazzi, à quandu in pusonu, à quandu ritti, à pedi o à motò, briunendu o stendu bassi, ad aspittà ùn si sà chì ni, osinnò ch’edda capulghi l’ora di mezanotti.

Quali n’avarà a colpa ? A scola com’eddu si senti à spessu incausà à a televisiò omini pulitichi privi d’idei o in cerca di voti ? O soca sarà l’aria di issu seculu novu ?

Innò, a colpa l’avemu no, i parsoni maiori, omini è donni fatti, l’adulti. Di sicura, s’è u guvernu vulìa fà bè, s’è a vera primura soia era l’educazioni, si sintarìa cù l’insignenti da rifurmà a scola da fanni u spannamentu di i ziteddi. Hè à a malavia a scola, hè certa è più chè certa. Ma i danni chì a scundesani, sò nati in altrò. A sani bè è strabè i prufissori. À eddi, prima di cunverta l’allevi, li tocca à cunfassi cù i parenti, issi zitiddoni addirdanati chì ricusani u mondu di l’adulti, chì di rispunsabilità ùn ni voni senta nomu, chì lentani à u rughjonu i so cateddi ingrandati da a televisiò senza punteddi murali, stufi di maghjini è privi di stintu, incapaci di dà di corru in a ghjerba, sfacciati, ma senza illusioni dinò, scrianzati è sgalabati. Iss’urfaneddi sò tali è quali i figlioli di Peter Pan, o inveci i masci è i femini insalvatichiti di «Sa majesté des mouches». Sò figlioli nosci.

Eppuri ùn s’assumigliarani micca à ciò ch’è no semu stati. Di lingua è di cultura nustrani ùn ni sani nudda è nienti, nati ch’eddi sò in una Corsica oramai amnèsica di ciò ch’edda fù. Sò cundannati à firmà frusteri in casa soia. Ad essa cloni.

Caghjoni di tamantu scempiu, ci n’hè mori, ed uni pochi venini scumpartuti da tutti quanti i paesi di l’Uccidenti, ghjunti ch’è no semu in un tempu chì da travagliadori è citadini ci riduci ad essa cunsumadori è basta. Caghjoni altri l’infattemu in l’evuluzioni di a sucità corsa.
In una cappiamanata (cinquanta anni), si sò sdrutti campagnalità è paisanità. Oramai hè piaghjincu, citadinu ed impiigatu u Corsu. In una ginirazioni, ùn si pò scambià a pecura pà u telefuninu senza calpighjà a so anima.
A mossa identitaria è pulitica di l’anni 70 cù u so sforzu fattu in cumunu da pinsà è impastà un avvena fattu di sulidarietà, di rispettu di u locu è di l’anima corsa, hè fiascatu.

Svanitu u sonniu, mezu chè sturduliti, si scetani i Corsi più parsunali di mai in un mondu tesu à inghjustizii. Di u populu corsu, ci ferma oghji una massa d’individui privi di a cuscenza chì facìa l’unioni di una volta.
L’80a è masimu u 90a ani cilibratu a cunsacrazioni di a viulenza da valori maestru di a sucità corsa. Tutti avemu suffertu di l’assassinii è l’attentati fatti in nomu di u populu corsu.

Quali sò iss’omini mascarati chì cù a pratinzioni di libaracci, facini più mali chè bè ? Quantu sarani i ghjovani à lacassi imbavuchjà da i so discorsi tricaticci è sbagliati ?
Di quali difindarani l’intaressi ? di u populu ? i soi ?
Comu stunassi tandu chì droga, alcolu, viulenza, à l’usu àcidu forti, si rudissi a ghjuventù, in istatu di mancanza suciali è culturali ?

L’assenza di autocritica hè una di i carattaristichi di a vita suciali corsa. Sarà po cusì apàtica a sucità corsa da lacà a so ghjuventù andà à a malavia ? Isiè, postu ch’è no campemu in un mondu primurosu anzi tuttu di culmà i bisogni fisichi, tralascendu quiddi di u spiritu. Ipermarcati, centri cumirciali, caffè, discutechi, magazeni à vulenni più è bibbiutechi micca !

Socu scunvintu chì u libru ci pudarìa aiutà. Una sucità senza litteratura, o una sucità chì à a litteratura li tucchessi à sopravviva in i marghjini di a vita suciali è privata, hè una sucità cundannata à turrà spiritualmenti barbara. Ùn vi hè nienti chì difindissi megliu un cristianu da l’imbicillità di u preghjudiziu, di u razzisimu, di u fanatisimu rilighjosu è puliticu chè a virità ch’edda ci svela a litteratura : omini è donni d’ogni locu è cultura sò uguali in sustenza, è solu l’inghjustizia hè capaci à suminà discriminazioni, paura è odiu trà eddi.
A litteratura ùn hè solu un passatempu da ricchi o struitoni, ma un’attività essenziali pà a furmazioni di i citadini in una sucità muderna è dimucratica, una sucità d’omini libari, emancipati è micca di cloni.




Marceddu Jureczek t’hà 35 anni. Hè natu in Aiacciu è ci insegna u corsu in liceu prufiziunali. Prisidenti di l’associu Matina Latina, hè u capiridattori di a rivista Avali è sicritariu di ridazzioni di u misincu U Taravu. Parechji di i soi i scritti, part’è più raconti, sò stati publicati in i rivisti mintuvati, in Bona Nova è le Journal de la Corse. U so prima rumanzu Ghjuventù Ghjuventù... hà ricivutu u premiu 2007 di u libru corsu cuncessu da a Cullittività Tarrituriali di Corsica. U so sicondu libru, U Vantu di a Puvartà, un assaghju, hè sciutu di pocu.

Commentaires