Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
AVALI avali, a rivistablog primurosa di u spannamentu di a pruduzzioni litteraria corsa d’oghji, ma à tempu locu di baratti è di critica suciali.

DORMI, DORMI BEL BAMBIN

marceddu

(Verghjni, Valle d'Alisgiani) 
 

Dormi, dormi bel Bambin,

Re divin,

Dormi, dormi, o fantolin,

Fa la nanna, o caro Figlio

Re del ciel,

Tanto bel

Grazioso giglio.

 

Chiudi i lumi, o mio tesor,

Dolce amor,

Di quest’alma, altro Signor,

Fa la nanna, o Regio infante

Sopra il fien,

Caro ben,

Celeste amante.

 

Perchè piangi o Bambinel,

Forse il gel

Ti dà noia, o l’asinel ?

Fa la nanna, o Paradiso

Del mio cor,

redentor,

ti bacio il viso.

 

Così presto vuoi provar

A penar,

E venir a sospirar ;

Dormi che verrà un giorno

Di patir,

Di morir

Con tuo gran scorno.

 

Or di raggi cingi il crin,

Ma nel fin

Cangerai in pungenti spin.

Fa la nanna, o Pargoletto,

Sì gentil,

Che un fienil

Godi per letto.

 

Nella più fredda stagion,

GESU’ buon,

Nasci al mondo in prigion ;

Fa la nanna, già che senti

Il penar,

Lo stentar

Fra li giumenti.

 

Dormi, dormi, Ben mio bel

Con il vel

Io ti copro, Re del Ciel,

Fa la nanna, dolce sposo,

Bel bambin,

Cortesin,

Tutto amoroso.

 

Ecco vengono i Pastor

Con i cor

Riverenti a te, Signor ;

Fa la nanna, mio conforto,

Chè Israel

Il crudel

Ti vuol per morto.

 

Strascinata mia beltà,

Con viltà

Tu sarai e crudeltà ;

Fa la nanna, o flagellato

Con orror,

Mio Signor,

Ti vuol Pilato.

 

Anch’Erode empio e crudel

Il rubel,

Ti farà con bianco vel,

Fa la nanna, e come uno stolto

Svergogna,

Sputtachiar

Il tuo bel volto.

 

Porterai con disonor,

E dolor

La gran Croce, o Redentor,

Fa la nanna, o crudo fiel

Hai da ber

Volentier

Per darci il miele.

 

La tua morte sentirò,

Piangerò

Quando in croce ti vedrò,

Fa la nanna, chè Longino

Ferirà,

T’aprirà

Quel sen divino.

 

Allor poi non canterò,

Tacerò,

Teco in croce morirò ;

Fa la nanna nel Presepe,

Bel bambin,

Tuo Padrin

Ecco giuseppe.

 

Io ti piglio nel mio sen.

Ciel seren.

Per baciarti unico ben ;

Fa la nanna, e dopo morte

Bacierò,

Stringerò

Tue membra smorte.

 

Cessa ormai dolce Figliuol,

Il tuo duol.

Ne baciarti mi consol.

Fa la nanna, chè i re Magi

Veniran,

E saran

Tuoi servi a paggi.

 

Saggia il latte del mio sen,

D’amor pien,

Apri l’occhio tuo seren ;

Fa la nanna, e mentre io canto

Dormi tu,

Buon GESU’,

sotto il mio manto.

 

Dormi, dormi, o Salvator,

Mio Signor,

Dormi, o centro del mio cor,

In sì povera capanna.

Cortesin,

Vezzosin

Deh ! fa la nanna.

 

 


'SSu cantu hè statu trattu da una racolta di canti pupulari : a Lira Sacra. In usu duranti seculi in tutta l'isula di Corsica, pupularizata in i cumunità paisani da a predica franciscana, 'ssu libru di canti cù i so testi in talianu, tinarà un postu di primura in a liturgia corsa fin à a Siconda guerra mundiali.
L'edizioni di a Lira Sacra di Fabiani, in Bastia (1879) t'avia 113 canti. L'edizioni di "Levanto, Tipografia dell’Immacolata" (1915), ùn hà tinutu cà 80. Trà quissi si poni mintuvà "Venite Adoriamo", "Tu Scendi dalle Stelle", "Adeste Fideles", "Chi Vol Veder di Mezza Notte il Sole".

Commentaires