Overblog
Suivre ce blog Administration + Créer mon blog

AVALI

avali, a rivistablog primurosa di u spannamentu di a pruduzzioni litteraria corsa d’oghji, ma à tempu locu di baratti è di critica suciali.

PEDDI SÈ... È NERA

Marceddu
PEDDI SÈ... È NERA
PEDDI SÈ... È NERA

Inchjostru di a scrittura di a virità u suchju sè l'acqua di u mari di u populu a vita sè u lumu di u ghjornu di a parola a voci sè u calori di u focu di u soli a fiamma sè a peddi di u populu di a libartà corsa sè tù lingua Saveriu Valentini hè natu u 20 di si ttembri 1947 in Sarra di Farru. Pueta, militanti culturali indiatu in u buddori di u Riacquistu sittantescu, cù a so attività di tiatrinu in u filu di Grotowski, Artaud o Brech, hà prumossu un versu fidu à a lingua corsa è criticu di a rialità isulana. Cufundatori di a cumpagnia « Teatru Paisanu » in 1973, hà scrittu, da par eddu o in parechji,...

I SUNADORI

Marceddu
I SUNADORI
I SUNADORI

Di Castiglione, San Gavinu, Di Pastricciola o Sermanu Lu valsu era di razzinu Incù qualchì sonu stranu A chì lu so viulinu Cetra o ghitara in manu Pocu à pocu si sò cambiati Li strumenti i più anziani Ma u baddu di i frati Risunava notti sanni Pariani scatinati Cù u paghjolu i paisani Filippone Rocchi È in Rusiu un ziteddu Sunava à l’usu nustrali Cuntradenza o saltareddu Fendu baddà senza mali Valsuvienna eppò currentu Filippone, chì talentu ! Pò Giacometti è Turchini Sin’à ghjornu erani intesi Stacchitati è viulini Sott’à li lampioni accesi Lu baddu era senza fini In piazza di u paesi Di Guelfucci...

FIN’À PALPÀ L’ORIENTI

Marceddu
FIN’À PALPÀ L’ORIENTI
FIN’À PALPÀ L’ORIENTI

S’e a di fessi oghji Magaru i so prighjò Magaru u so sapè Chì mi magna a parsona S’e ci riscissi Sta volta Parfini à essa Corsu A me voci andarà Com’è ventu di vita È passarà u mari Fin’à palpà l’Orienti È s’impiarà di sciuma Di u sali cumunu Nostru È Mediterraniu saraghju È ancu universali Parchì saraghju Corsu Saveriu Valentini hè natu u 20 di si ttembri 1947 in Sarra di Farru. Pueta, militanti culturali indiatu in u buddori di u Riacquistu sittantescu, cù a so attività di tiatrinu in u filu di Grotowski, Artaud o Brech, hà prumossu un versu fidu à a lingua corsa è criticu di a rialità isulana....

ALTU CANTU

Marceddu
ALTU CANTU
ALTU CANTU

Sò a lingua straniera Di a me bocca aparta A me bocca chì ridi A me bocca chì canta è chì pienghji Sò a lingua imprighjunata Chì voli campà fora Apriti i balcona Bugheti porti è sulaghja Sò lingua paisana Antica cugina di l’acqua è di a tarra Isulana Sò lingua chì và caminendu Par i stradi d’aprili Purtendu à u me passu un cantu chjaru Un altu cantu fieru Stu cantu si chjama lamentu Stu lamentu hè a me stodia Nova Nurbertu PAGANELLI, hè unu di quiddi pueti nati in i buddori di a Corsica di u 70°, in cori à u Riacquistu culturali. Omu di a parola ghjusta è di u pinsamentu assinnatu, l’amori di a...

A STRACCIATURA

Marceddu
A STRACCIATURA
A STRACCIATURA

ùn iscrivu micca pà a lingua ùn iscrivu micca pà a parola ùn iscrivu micca pà a menti ùn iscrivu micca pà a gloria SCRIVU pà a PARSONA quidda di a stracciatura in u locu di l'amori Rinatu Coti hè natu u 20 dicembri 1944 in Aiacciu. Funziunariu di l’Educazioni naziunali in irritirata, hè u prisidenti di l’associu Cismonte è Pumonti. Hà messu à scrivu u corsu da ghjovanu ghjovanu è da tandu ùn hà mai spustatu. A so opara, ricca di parechji genari, rumanzi, raconti, puisii, teatru, assaghju, hè a più empia è a più di primura in a storia di a noscia litteratura. In i so libri si leghji l’universu suciali...

U CRIAMPULU IN U SO VICULU

Marceddu
U CRIAMPULU IN U SO VICULU
U CRIAMPULU IN U SO VICULU

A guerra era pà compiasi. Si raligrava ugnunu è si sminticava pà un attimuchju a caristia di tuttu. Mancu una spiga da fà granu, mancu un granu da fà farina, mancu farina da fà pani. A fami nera era quì à latu, com’è una cumpagna fidata è ghjilosa. Ma à tutti po ùn tuccava à strignasi u currighjolu. Uni pochi di cumircenti aviani saputu righjirà i so affari duranti a guerra pà accimassi una furtuna smisurata. A signora Fiora era di quissi quì. Ricca era ricca di casi è di tarreni è vulia chì tuttu u circondu a vidissi è a sapissi. Tinuti di lussu fatti di stofa prizziosa (è ci ni vulia stofa da...

MIGRANTI

Marceddu
MIGRANTI
MIGRANTI

Storii infiniti Stradi infiniti Pedi pulitrini Frustati par annant’à chjassi stranieri Tanti è tanti altri inguliti da u mari È tù chì abbadi cù suspettu è disprezzu Lu cunnosci u labirintu Di lu soiu l’infernu ? Marceddu Jureczek t’hà 34 anni. Hè natu in Aiacciu è ci insegna u corsu in liceu prufiziunali. Prisidenti di l’associu Matina Latina, hè u capiridattori di a rivista Avali è sicritariu di ridazzioni di u misincu U Taravu. Parechji di i soi i scritti, part’è più raconti, sò stati publicati in i rivisti mintuvati, in Bona Nova è le Journal de la Corse. U so prima rumanzu Ghjuventù Ghjuventù...

NÈ CAPU NÈ CODA

Marceddu
NÈ CAPU NÈ CODA
NÈ CAPU NÈ CODA

Ci vole à dì ch’ellu capisce per aria Chì hè cioncu cum’è una campana È puru ellu sì chì e cappia scusgite Hè una fralleppula à u tirà di e rete Porta di fola in canzona à ognunu Perchè parla di u più è di u menu È stà cum’è a capra nant’à a panca Si crede figliolu di a gallina bianca Vultulà u mezu mondu si primura Chì per forza o per amore hè sicura Ma l’estru in caterochju ùn l’avia Girà e sette chjappelle solu vulia Face issu omu orechja di mercante Storie di tutte e mamme ne sà tante Per vulè esse di l’emme ellu ne hè Forse e caghja in l’acqua à tè à mè Ma spessu ellu esce da u suminatu Perchè...

LA CORSICA, STORIA DI UN GENOCIDIO

Marceddu
LA CORSICA, STORIA DI UN GENOCIDIO
LA CORSICA, STORIA DI UN GENOCIDIO

Assaghju A sò chì ‘ssu titulu v’avarà stupitu. Altr’è tantu à mè. Hè un libru sciutu in 1982 in Italia, scrittu da Sabino Acquaviva. L’autori, hè unu suciolugu cunnisciutu è prufissori à l’università di Paduva. Hè prizzatu pà i so studii à puntu di i quistioni naziunali in Auropa (com’è par asempiu quidda di u Sud Tirol). À partasi da un’inchiesta fatta in Corsica in u Sittanta, Acquaviva ci pruponi uni beddi pochi di riflissioni sopra à l’isula, u so populu è l’evuluzioni pussibili. Puri s’è u libru pari vechju, u parè prupostu t’hà sempri u so valori è ci dà propiu da rifletta. "Preservate sino...

U Signori di i Moschi (Sa majesté des mouches)

Marceddu
U Signori di i Moschi (Sa majesté des mouches)
U Signori di i Moschi (Sa majesté des mouches)

Rumanzu U Signori di i Moschi hè u capid’opara pessimistu di u scrittori inglesu William Golding. Ci prisenta a vita di un gruppu di ziteddi (da sei à dodici anni) scalata in un’isula diserta à mezu Pacificu dopu ch’edda si fussi abbattuta a so aviò. Adulti micca, sò soli, à brida sciolta. In i prima tempi, ani da circà d’assistà u locu, dendusi reguli. Ma l’isula, da paradisu torra prestu prestu un infernu di barbaria sfrinata ed assassina. Ani da voltà à l’arritrosa i ziteddi. I tabù posti da a civilizazioni da cunfinà l’animalità di l’omu sò stati dirrotti. Più nimu pò para tandu u sfocu miciadiu...

<< < 10 11 12 13 14 > >>