Overblog
Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
AVALI avali, a rivistablog primurosa di u spannamentu di a pruduzzioni litteraria corsa d’oghji, ma à tempu locu di baratti è di critica suciali.

puesii

UNA NOTTE

marceddu
UNA NOTTE
UNA NOTTE

Bughja è negra hè la notte Cù lu fretu par cumpagna Chjose sò tutte le porte Chì babbu hè in campagna Longa hè la vita à vene Fatta di strazii è di pene A casa face silenziu Dura hè stata la ghjurnata Di fatica ognunu hè saziu S’arriposa la casata Longa hè la vita à vene Fatta di strazii è di pene I letti si sò impiuti Di fiati assirinati Di calori benvinuti Dormenu l’appena nati Longa hè la vita à vene Fatta di gioia è di pene U riloghju ticchiteghja I strapzzi sò luntanu Affacca lu sonniu à veghja Cù le so spiranze in manu Longa hè la vita à vene Fatta di gioia è di bene. Ghjuvan Santu Plasenzotti,...

SOLE STE MANE QUÌ

Marceddu
SOLE STE MANE QUÌ
SOLE STE MANE QUÌ

Cinque ore di matina In la cità la notte Hè sempre senza fine Ricumencia la sorte Da la casa à l'usina Cusì sin'à la morte Tanti suspiri è straziu Camina l'operaiu Sole sole ste mane quì Sò tracarche di pene Sole sole ste mane quì Sò sulcate di vene Sole sole ste mane quì Meritaranu l'avvene À lu fà di lu ghjornu Ch'allumina la piana L'invernu i nivaghjoni L'estate in la calmana Grandina o sulleoni N'hè colma la to strada Muscu di tarra in dolu Viaghja lu campagnolu Sole sole ste mane quì Sò tracarche di pene Sole sole ste mane quì Sò sulcate di vene Sole sole ste mane quì Meritaranu l'avvene Vulemu...

U DIRRASCU

marceddu
U DIRRASCU
U DIRRASCU

(Ill., Orozco, Luta) Suldatu d’issu mondu Parti altiera, Suvu arradicatu in i tenebri À nutriscia u lamaghjonu chì s’infilza meza frasca, Allacia è stringhji rami, Da cocia à u soli di u mali Fiuritu vìa lu bè Chì s’opponi, si mischia, cambia S’anniedda è chjarisci In u cuntrastu di a materia D’acqua lugeri È di tarra impulvarita In u rispiru di l’aria Esalata in un focu Di vita è di morti Annassati in u suffiu d’un’ energìa In a matricia vegetali Umiliata da a roba è u ventu Tribbulata da l’acqua Ma mossa vìa a tarra tralasciata, Adunita à u caò Chì imbruglia a vita Firita in a carri di l’omu...

U PRUGRESSU SPAZZINU

marceddu
U PRUGRESSU SPAZZINU
U PRUGRESSU SPAZZINU

Spazzata A dignità Spazzata A filicità Spazzati I valori Spazzatu L'anori Spazzatu U campà Spazzatu Da cambià Spazzata A storia Spazzata A mimmoria Spazzati I parlati Spazzati L'antinati Spazzati I pastori Spazzatu L'altori Spazzati I dulfini Spazzati À li fini Spazzati I gazelli Spazzati Ancu elli Spazzati I furesti Spazzati Lesti lesti Spazzata L'ussisgena Spazzatu L'avvena Firmarà U danaru... 'N u spazzatu. Ghjuvandumenicu Tafani hè natu in 1969. Stà in Bala di Purtivechju. Maestru di scola, appassiunatu di lingua corsa, si dà di cori è d’intelletu à a ricerca linguistica.

DAMMI U MONDU

marceddu
DAMMI U MONDU
DAMMI U MONDU

D ammi l'aria pura Dammi l'acqua bona Dammi a natura Suttu à i brancona D ammi a granghjola Dammi a murena Suttu acqua fighjola Ci hè una lucerna D ammi u licetu È a suarticcia Dammi l'alivetu È a castagniccia D ammi a parnici Dammi u cignali A strada chì dici Ciò chì conta è vali D ammi u to anciu A parola antica Chì ghje' so chiranciu Di boci sarrinca D ammi u to versu È quiddu di l'altru Ch'e viva à traversu Di l'unu è di l'altru T utta a variatezza Di stu mondu caru Hè una ricchezza Ch'ùn hà micca paru. Ghjuvandumenicu Tafani hè natu in 1969. Stà in Bala di Purtivechju. Maestru di scola, appassiunatu...

DORMI, DORMI BEL BAMBIN

marceddu
DORMI, DORMI BEL BAMBIN
DORMI, DORMI BEL BAMBIN

(Verghjni, Valle d'Alisgiani) D ormi, dormi bel Bambin, Re divin, Dormi, dormi, o fantolin, Fa la nanna, o caro Figlio Re del ciel, Tanto bel Grazioso giglio. C hiudi i lumi, o mio tesor, Dolce amor, Di quest’alma, altro Signor, Fa la nanna, o Regio infante Sopra il fien, Caro ben, Celeste amante. P erchè piangi o Bambinel, Forse il gel Ti dà noia, o l’asinel ? Fa la nanna, o Paradiso Del mio cor, redentor, ti bacio il viso. C osì presto vuoi provar A penar, E venir a sospirar ; Dormi che verrà un giorno Di patir, Di morir Con tuo gran scorno. O r di raggi cingi il crin, Ma nel fin Cangerai in...

MUNTAGNA

marceddu
MUNTAGNA
MUNTAGNA

Muntagna, muntagna cara eternu amori Muntagna corsa fiera è sminticata Fideli è muta tali una spusata Ricca di storia è ricca di culori… Par mè sarè sempri a me muntagna Dundi a nivi hà tessu a curona Imbalsamata da l’arba barona Indù si cala è si spechja l’altagna ! Hà datu sempri aiutu à u rimitu Persu da la disgrazia o la svintura In a furesta zippa è sicura Hà piattu u guerrieri è u banditu... Muntagna corsa ascolta la me pena Vàrdati da la piaghja traditora Chì pianu pianu andarà à mora Aval’ chì calcicata hè la so rena ! È i to ochji pieni di tristezza Ùn poni chè vidè ‘ssu mondu vanu Ùn...

PARZIALITÀ

marceddu
PARZIALITÀ
PARZIALITÀ

Videmu in cisbugliulu la nazione Da la parzialità ch'hà parturitu Di ghjustizia u sintimu hè sparitu 'Ssi signuracci 'ssi capitalisti I privilegi anu ristituitu Pè sustenesi à u capu di u partitu U populu ormai sà chì li guverni In associu sò cù u capitale È tessenu frà elli u più gran male È mentre ch'o patimu d'ogni cosa Ch'o patimu l'affronti è l'inghjustizie Le nostre le miserie, sò le so delizie Di questi ùn ci vole à supportà la somma Si vurrebbinu impone da eroi Ma più brutti è più bassi sò chè noi Pè difende i diritti di la to sorte Ricordati u passatu, le suffranze Pè ùn lascià tumbà le...

L'ARTIFIZIU

marceddu
L'ARTIFIZIU
L'ARTIFIZIU

Donna à fantàsimi inghjumiddati Quant’è stradi virtuali : Albi novi À speri inchjirchjati In u sangu maccu Di l’omu, bramosu dinò, Circhendu vìa di tè U fiori d’iddu stessu, Doppiu naturali Paru è micca, In u fuddetu idènticu Di a quèstula persa, In l’artifiziu artificiali Inghjinnatu da 5 ditti è una mani assirinata da calchì raghjoni freta Scalculendu di l’oru Un prufittu viniali D’un artifiziu novu Infilzendu a vita À una cullana d’artifizii In u smintecu di un prisenti Scughju da u partu Di u Donu D’amicizia Di parola Frustera Frusta Aiutu propiu Riflessu Di no stessi À l’infinitu, In u labirintu...

A PUTTANA

Marceddu
A PUTTANA
A PUTTANA

Dimmi tù Stedda lucichenti Dimmi tù Donna di talentu Parchì tù Biddezza tamanta Parchì tù Ti da' com' amanti À quiddu Chì senza primura À quiddu Ch' arreca sciagura A me virtù Pà una pezza docu A me virtù Vali beddu pocu È l'omu Chì mi voli goda Quist' omu 'Ddu mi dia solda Soc' eu Una bacasciona Soc' eu Una puttanona È ghjeu Di mè m'imbuzaru À veru Mi danna u danaru Ghjuvandumenicu Tafani hè natu in 1969. Stà in Bala di Purtivechju. Maestru di scola, appassiunatu di lingua corsa, si dà di cori è d’intelletu à a ricerca linguistica.

<< < 1 2 3 4 5 6 > >>