Overblog
Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
AVALI avali, a rivistablog primurosa di u spannamentu di a pruduzzioni litteraria corsa d’oghji, ma à tempu locu di baratti è di critica suciali.

puesii

STÀ À SENTA O PAISÀ

Marceddu
STÀ À SENTA O PAISÀ
STÀ À SENTA O PAISÀ

Stà à senta o paisà Tù chì ti teni sticchitu Ch’ai scambiatu di vistitu Chì ùn ti lasci più andà Ùn porti più a baretta È vicu ch’a to ghjacchetta Hè à fattoghja d’avà Stà à senta o paisà Ai vindutu à ghjunghjiticci I puretti è i principi È ùn sà più indù andà À fatti una caccighjata O qualcosa più sacratu Ùn sà più indù passà Stà à senta o paisà Par tè u solu pinseri Hè di passà i to seri À vighjà è spassighjà Allora ti ni stà fora Chì ti s’arriguarda l’ora Quandu chì t’ai d’arrizzà Stà à senta o paisà Tù chì t’ai a stacca piena È dinari com’è rena Lasciati avvicinà Ai a to calzetta pretta Di...

BALLATA DELLE MADRI

Marceddu
BALLATA DELLE MADRI
BALLATA DELLE MADRI

Mi domando che madri avete avuto. Se ora vi vedessero al lavoro in un mondo a loro sconosciuto, presi in un giro mai compiuto d'esperienze così diverse dalle loro, che sguardo avrebbero negli occhi ? Se fossere lì, mentre voi scrivete il vostro pezzo, conformisti e barocchi, o lo passate, a redattori rotti a ogni compromesso, capirebbero chi siete ? Madri vili, con nel viso il timore antico, quello che come un male deforma i lineamenti in un biancore che li annebbia, li allontana dal cuore, li chiude nel vecchio rifiuto morale. Madri vili, poverine, preoccupate che i figli conoscano la viltà per...

TANTI GHJENTI

Marceddu
TANTI GHJENTI
TANTI GHJENTI

Alzaiani lu pugnu Tanti ghjenti d’ugni ità È tali l’abbi in u bugnu “Ochji di a vulintà” Cù l’idea cumuna Chì ni facia trimà I ghjenti senza furtuna In circa di parità Alzaiani lu pugnu Senza mai dubità Chì l’ideali pugni L’omu chì vol’ guvarnà È l’idea cumuna Chì faci sempri trimà È a sola furtuna Chì ni pudarà firmà Eiu credu à lu duveru Omu fattu d’unestità Ma s’altri incù manera Cù arguzia è vanità Ani criatu u so imperu È a so muralità Chì t’impara ad essa fieru Postu chì tù vò campà Natali Valli, ghitarristu è cantadori attalintatu di u purtivichjacciu. Di lugliu 1979, cù parechji, s’impegna...

TERRA SANTA ADDULURATA

Marceddu
TERRA SANTA ADDULURATA
TERRA SANTA ADDULURATA

Vi pudia accoglie in paese meo... Ma ete impostu a vostra putenza Vulete fà di issa Terra, un locu ghjudeo È ci fate subì calchì preputenza. Simu ghjunti dopu à un long’esiliu Nantu à issa Terra, ch’aviamu lasciatu prima Vuliamu a pace ed emu avutu u fucile Ùn emu racoltu chè sangue di issa vendemia. Ci caccianu di e nostre casi Cù la so armata affanosa Ch’invadisce u circondu di mesi in mesi Pè fà di issa Terra a so sposa. Tanti di i nostri sò spariti Tombi da l’odiu è u disprezzu D’omi è donne scimiti Chì discorrenu cù a viulenza, cum’è à u s’avvezzu. Chì avvene pè a Terra Santa, trà l’invasione...

VINCIA

Marceddu
VINCIA
VINCIA

Vincia par ùn lacà cada U nosciu sonniu Quiddu chì tutt’ insembu Emu cridutu Vincia da chì a noscia rabbia Ùn ci cunsumi Da chì iss’ odiu trizinanti, rampicanti Sighi l’ufferta à Dumani Vincia da sbandiscia a noscia inghjulia Alzendu u nosciu pugnu Com’ una sfida À tutti À tuttu Vincia Lisandru Muzy, duttori in infurmatica di l’Università di Corti, circadori à u CNRS, t’hà 29 anni. Pueta attalintatu è ricunnisciutu, l’hè statu cuncessu cù u so sicondu libru in puisii, In i me ochja, u premiu di u libru in lingua corsa di a Cullittività Tarrituriali di Corsica pà u 2006. A so prima racolta puetica,...

À L'ALTRU LATU...

Marceddu
À L'ALTRU LATU...
À L'ALTRU LATU...

À lu fiume d'Acherone Ti sè fattu vugadore Par mustrammi à sulleone Di l'altronde u bullore M'ai apartu lu purtone D'un cusì stranu tisoru Vidì l'ombre di e cose U prufondu di l'essezza È à spessu musinose E strade di l'amarezza Vistut' à lumere strose Incurunata à mansezza Mi rigalasti a vita Nellu so latu eternu Nanzu d'esse imbastardita Da lu focu di l'infernu Pruminendu intimurita Cum'è ligata à un pernu M'hà fraiatu Luciferu Incù un manicu di lancia Tuttu paratu di neru Quant'è di lumera bianca Invece di l'addisperu Ricivissu luce franca Di l'arburu Mal Cunciliu Suvitaiu lu caminu Arrubendu...

L'INFERNU TARRANU

Marceddu
L'INFERNU TARRANU
L'INFERNU TARRANU

Sò solu lu frateddu Di i patriotti ghjusti Di i vechji è di i ziteddi Di a natura è di a brusta Di tutti l’inghjuliati Sbagliati da l’umani Po di a ghjenti straziata Da u castigu furdanu Eiu sò lu frateddu Di i criaturi santi Nati in fosca matina Chjamendu l’universu Vogliu parlà di quiddi Trallasciati par cantu O quiddi chì ani persu È i mammi mai chjamatu Eiu sò lu frateddu Di u tintu paisanu Chì si strappa u ciarbeddu D’invernu fin’à branu Chì ùn vinci chè sudori È si vasta u sangui Sapendu incù ‘ss’amori Chì a so vita s’infanga Eiu sò lu frateddu Di l’umanu interu Chì hà coltu lu mali Di l’infernu...

SENZA PAESI

Marceddu
SENZA PAESI
SENZA PAESI

Difinditi l’omu solu È lachetilu parlà T’hà tanti cosi à dì Ch’iddu hè meddu à ascultallu Ascultemu l’omu mutu Ed imparemu a so lizzioni Parla sempri in u so pettu Apartu com’è un balconu Hè solu in casa Solu in paesi Hè solu davanti à u mari U mari anch’iddu hè solu È nimu veni À sustenalu Nurbertu PAGANELLI, hè unu di quiddi pueti nati in i buddori di a Corsica di u 70°, in cori à u Riacquistu culturali. Omu di a parola ghjusta è di u pinsamentu assinnatu, l’amori di a so terra si leghji in a scrittura soia, ma senza ch’eddu lachi in disparti unu sguardu acutu è esigenti. Hà publicatu Invistita...

PEDDI SÈ... È NERA

Marceddu
PEDDI SÈ... È NERA
PEDDI SÈ... È NERA

Inchjostru di a scrittura di a virità u suchju sè l'acqua di u mari di u populu a vita sè u lumu di u ghjornu di a parola a voci sè u calori di u focu di u soli a fiamma sè a peddi di u populu di a libartà corsa sè tù lingua Saveriu Valentini hè natu u 20 di si ttembri 1947 in Sarra di Farru. Pueta, militanti culturali indiatu in u buddori di u Riacquistu sittantescu, cù a so attività di tiatrinu in u filu di Grotowski, Artaud o Brech, hà prumossu un versu fidu à a lingua corsa è criticu di a rialità isulana. Cufundatori di a cumpagnia « Teatru Paisanu » in 1973, hà scrittu, da par eddu o in parechji,...

I SUNADORI

Marceddu
I SUNADORI
I SUNADORI

Di Castiglione, San Gavinu, Di Pastricciola o Sermanu Lu valsu era di razzinu Incù qualchì sonu stranu A chì lu so viulinu Cetra o ghitara in manu Pocu à pocu si sò cambiati Li strumenti i più anziani Ma u baddu di i frati Risunava notti sanni Pariani scatinati Cù u paghjolu i paisani Filippone Rocchi È in Rusiu un ziteddu Sunava à l’usu nustrali Cuntradenza o saltareddu Fendu baddà senza mali Valsuvienna eppò currentu Filippone, chì talentu ! Pò Giacometti è Turchini Sin’à ghjornu erani intesi Stacchitati è viulini Sott’à li lampioni accesi Lu baddu era senza fini In piazza di u paesi Di Guelfucci...

<< < 1 2 3 4 5 6 > >>